Tutte le notizie in breve

La prima ministra britannica Theresa May

KEYSTONE/AP/KIRSTY WIGGLESWORTH

(sda-ats)

La premier britannica Theresa May proseguirà oggi la formazione del suo nuovo governo, con le nomine dei ministri della salute, dell'istruzione e del lavoro, dopo che ieri sera ha annunciato i posti chiave.

May ha parlato al telefono con la cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente francese François Hollande e il premier irlandese Enda Kerry, i leader europei che hanno voluto farle le congratulazioni per l'incarico ma a cui ha ribadito la richiesta di Londra di tempo per preparare i negoziati per la Brexit, pur ribadendo il concetto già espresso che Brexit significa Brexit, ovvero l'uscita del paese dall'Ue senza sì e senza ma.

"La premier ha spiegato che avremo bisogno di tempo per prepararci ai negoziati e ha espresso il suo auspicio che tali negoziati possano essere condotti con spirito costruttivo e positivo", ha spiegato un portavoce di Downing Street. "In tutti i suoi contatti telefonici, la premier ha sottolineato il suo impegno ad attuare la volontà espressa dai britannici per lasciare l'Ue", ha aggiunto.

Ieri, poche ore dopo il suo ingresso a Downing Street, May ha nominato sei ministri: David Davis, ministro per la Brexit, Liam Fox, per il commercio estero, Boris Johnson agli esteri (decurtati però dai dossier più importanti in questo momento, la Brexit e il commercio estero), Philip Hammond, Cancelliere dello Scacchiere, Michael Fallon, che rimane ministro della difesa, e Amber Rudd, ministra degli Interni.

Nomine che, contrariamente al discorso che ha tenuto dai toni centristi e conciliatori, suggerisce uno spostamento a destra del governo oltre che l'intenzione di riunire il partito spaccato dalla campagna per il referendum.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve