Tutte le notizie in breve

Dopo il suo coinvolgimento nel caso di riciclaggio attorno al fondo malese 1MDB, la BSI nel secondo trimestre ha perso clienti per patrimoni netti totali pari a 6,3 miliardi di franchi. Alla fine del 2015 BSI gestiva patrimoni per 84,3 miliardi di franchi.

È quanto ha comunicato stanotte la banca brasiliana BTG Pactual, tutt'ora proprietaria dell'istituto ticinese nel frattempo ceduto alla zurighese EFG International per oltre un miliardo di franchi. BTG Pactual ha dovuto passare la mano in seguito ad uno scandalo di corruzione nel quale è rimasta invischiata in Brasile.

Il 24 maggio scorso, l'Autorità di sorveglianza di Singapore (MAS) aveva inflitto una multa milionaria a BSI e ordinato la cessazione di tutte le attività della banca nella Città-Stato asiatica in relazione allo scandalo finanziario legato al fondo sovrano malese 1MDB (1Malaysia Development Berhad).

In merito alla medesime vertenza, il Ministero pubblico della Confederazione aveva nel contempo aperto nei confronti di BSI un procedimento penale.

BSI si trova anche nel mirino dell'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA). In maggio, essa aveva dato il via libera all'acquisto dell'istituto ticinese da parte di EFG International. BSI deve essere totalmente integrata e in seguito sciolta nel giro di dodici mesi. BSI ha annunciato nel frattempo appello contro la decisione della FINMA: sul caso dovrà pronunciarsi il Tribunale amministrativo federale.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve