Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una centrale solare nella zona off limits di Cernobyl, chiusa da 30 anni per le radiazioni. è quello che vogliono realizzare due società cinesi, con l'appoggio del governo ucraino.

Stando a quanto riferisce il sito Chinadaily.com.cn, le società GCL e China State Construction Engineering Corporation stanno effettuando sopralluoghi sul sito per verificare la fattibilità del progetto. "Sono pronte a investire più di 1 miliardo di dollari nei prossimi due anni", ha spiegato il ministro ucraino dell'Ecologia, Ostap Semerak.

La centrale solare dovrebbe sorgere su 2500 ettari di terreno, 10 km a sud dalla centrale nucleare che ha provocato il disastro del 1986. A regime l'impianto fotovoltaico dovrebbe generare 1,5 gigawatt di energia all'anno.

Il governo ucraino e le società cinesi non hanno reso noto quali misure di sicurezza saranno adottate per evitare il rischio radiazioni.

SDA-ATS