Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Strategia nazionale per l'eliminazione del morbillo, avviata nel 2011 e conclusasi nel 2015, ha prodotto grossi progressi nella copertura vaccinale, anche se gli obiettivi prefissati non sono stati raggiunti. Per le autorità sanitarie, i medici devono fare di più.

È quanto indica la valutazione della Strategia comunicata oggi al Consiglio federale in occasione della sua seduta settimanale. La copertura vaccinale dei bambini di due anni a livello nazionale è cresciuta attestandosi all'87%. Un solo cantone, Ginevra, ha raggiunto l'obiettivo del 95%, una soglia fissata dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Alcuni cantoni, pur lontani dall'obiettivo, hanno fatto segnare progressi considerevoli. Il caso più eclatante è costituito da Appenzello Interno che dal 2008 al 2014 ha visto la quota di fanciulli di due anni vaccinati passare dal 50% all'84% (i rilevamenti non sono disponibili per tutti i cantoni nel 2015, dato che la raccolta dei dati non avviene su base nazionale).

Nel lustro della Strategia la copertura vaccinale dei giovani adulti è progredita di 10 punti percentuali, raggiungendo l'87%. Questo aumento è particolarmente significativo se si considera che questa categoria di persone si reca raramente dal medico e quindi costituisce un gruppo difficile da raggiungere, indica una nota diramata da governo e Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

I medici hanno fortemente contribuito ai progressi realizzati, ma ciò non è ancora sufficiente per evitare l'insorgenza di focolai della malattia, come è stato osservato nelle ultime settimane. In futuro sarà cruciale che i dottori esaminino lo statuto vaccinale dei loro pazienti in modo più sistematico, si legge nel comunicato.

Questo aspetto e numerosi altri, come il miglioramento della formazione dei professionisti della salute o un miglior accesso alle vaccinazioni per gli adulti, fanno parte della Strategia nazionale di vaccinazione adottata lo scorso gennaio dal Consiglio federale, che sostituisce la Strategia nazionale per l'eliminazione del morbillo.

SDA-ATS