Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'export della Cina a settembre segna una brusca frenata annua del 10% (-2,8% ad agosto), più ampia della attese (-3%), mentre l'import cede l'1,9% (+1,5% nel mese precedente) a fronte di un +1% stimato.

Con esportazioni equivalenti a 184,5 miliardi di dollari e importazioni per 142,5 miliardi, il saldo dell'interscambio nel mese si attesta a 42 miliardi, 10 in meno rispetto ad agosto, segnalando la debolezza della domanda globale che continua a pesare sulla seconda economia del pianeta.

In particolare, il calo delle importazioni potrebbe scontare proprio una contrazione dei consumi domestici, oltre che i bassi prezzi di petrolio e altre materia prima.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS