CN: asilo, scomparso fino al 40% dei richiedenti


 Tutte le notizie in breve

Nel 2016, quasi 17'000 persone hanno chiesto asilo alle guardie di confine. Fino al 40% di loro - a seconda del periodo - ha fatto perdere le proprie tracce prima della fine della procedura (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/ALEXANDRA WEY

(sda-ats)

Nel 2016, quasi 17'000 persone hanno chiesto asilo alle guardie di confine. È quanto indica oggi il Consiglio federale, in risposta a una domanda di Valérie Piller Carrard (PS/FR).

Fino al 40% di loro - a seconda del periodo - ha fatto perdere le proprie tracce prima della fine della procedura.

Fra il 10 e il 20% delle domande sono inoltre state interrotte perché i richiedenti avevano abbandonato dopo pochi giorni "in modo incontrollato e prematuro" le strutture di accoglienza, precisa il governo.

Quest'ultimo rileva che il numero di rinvii verso l'Italia è aumentato, ma non fornisce dati precisi, e aggiunge che sempre più migranti desiderano attraversare la Svizzera per raggiungere un altro Paese. È in forte crescita anche il numero di minorenni.

L'accordo di riammissione firmato da Svizzera e Italia non fa differenza tra migranti adulti o minori, ricorda l'esecutivo. Le guardie di confine svizzere consegnano pertanto direttamente alle autorità italiane quelli che hanno meno di 18 anni.

Il governo tiene infine a rammentare che i casi di persone vulnerabili, come le donne incinte o i minorenni, vengono trattati in modo prioritario. Questi richiedenti vengono alloggiati separatamente.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve