Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

CN: Previdenza 2020, è muro contro muro (foto simbolica)

Keystone/AP dapd/JENS SCHLUETER

(sda-ats)

È sempre muro contro muro in Parlamento in merito al progetto Previdenza per la vecchiaia 2020 con l'UDC e il PLR da una parte e il PPD e la sinistra dall'altra.

Il Consiglio nazionale ha finora bocciato praticamente tutte le proposte degli Stati e difese dai popolari democratici e dallo schieramento rosso verde.

La maggioranza ha così nuovamente deciso, con 103 voti contro 92 e 2 astenuti, di compensare nell'ambito del Secondo Pilastro - modificando la proposta in alcuni punti - il previsto abbassamento (dal 6,8% al 6%) del tasso di conversione utilizzato per calcolare le rendite. In particolare si prevede una modifica nelle modalità di contribuzione dei salariati e dei loro datori di lavoro, nonché la soppressione della deduzione di coordinamento.

Il Nazionale, sempre con l'opposizione del PPD e della sinistra, ha anche rilanciato (con 101 voti a 90 e 4 astensioni) la proposta di aumentare automaticamente fino a 67 anni l'età pensionabile in caso di ristrettezze finanziare dell'AVS. Proposta che era stata sonoramente bocciata dal Consiglio degli Stati.

Il dossier torna al Consiglio degli Stati.

SDA-ATS