Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'onere finanziario dei giovani e delle famiglie nell'assicurazione malattia dovrebbe essere alleggerito (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/ALEXANDRA WEY

(sda-ats)

L'onere finanziario dei giovani e delle famiglie nell'assicurazione malattia dovrebbe essere alleggerito. La commissione della sicurezza sociale e della sanità degli Stati raccomanda al plenum di allinearsi a un progetto in tal senso del Nazionale.

Un'ampia maggioranza vuole tuttavia ridurre l'ampiezza del progetto.

La soluzione passa attraverso la cosiddetta compensazione dei rischi tra assicuratori. Per i giovani adulti, le casse malattia dovrebbero versare meno soldi. Concretamente esse verranno sgravate dai versamenti a titolo di compensazione nella misura del 50% per i 19-25enni. Grazie a questi provvedimenti, si potrà ottenere una riduzione dei costi della compensazione dei rischi a carico di tale categoria di assicuratori di 92 franchi al mese per assicurato. Per finanziare questa misura, i premi per gli adulti di almeno 26 anni aumenteranno di circa 10 franchi.

Tale nuovo sistema di compensazione dei rischi consentirebbe ai cantoni di risparmiare circa 75 milioni nella riduzione dei premi. In contropartita le autorità cantonali dovrebbero essere tenute a diminuire i premi di bambini che vivono in economie domestiche della fascia di reddito medio-bassa dell'80% almeno, invece dell'attuale 50%.

Con 7 voti contro 6, la commissione propone pure che i premi dei giovani adulti in formazione dovrebbero venir ridotti dell'80%, al posto dell'attuale 50%. La minoranza vede in questa proposta una minaccia alla sovranità dei cantoni: a suo avviso, questi ultimi devono poter decidere autonomamente se concedere o no una riduzione di oltre il 50%.

Regione dei premi

La commissione ha peraltro emesso critiche al progetto del ministro della sanità Alain Berset volto a rivedere le regioni dei premi. Esso prevede di basare d'ora in poi la suddivisione delle regioni sui distretti e non più sui comuni.

La commissione ha espresso in particolare riserve circa le ripercussioni negative per la popolazione delle regioni rurali e sul livellamento delle differenze di costi. D'intesa con Berset, ha pertanto deciso di approfondire questo tema e di proseguire la discussione dopo la sessione primaverile delle Camere federali.

SDA-ATS