Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Consiglio degli Stati: "no" a iniziativa contro canone Billag (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER

(sda-ats)

Il Parlamento deve raccomandare il "no" all'iniziativa popolare per l'"Abolizione del canone Billag" senza opporle un controprogetto. È quanto ha deciso oggi all'unanimità il Consiglio degli Stati.

Durante i dibattiti odierni, si è potuto constatare come la destra svizzerotedesca, molto critica nei confronti della SSR, non abbia alla Camera dei cantoni lo stesso peso che detiene al Nazionale.

Il testo, depositato dall'Associazione "No Billag" nel dicembre 2015 con 112'191 firme valide, prevede che la Confederazione non possa riscuotere canoni, né sovvenzionare o gestire emittenti radiofoniche o televisive. Se l'iniziativa venisse accettata, le attuali concessioni con partecipazione al canone verrebbero revocate senza indennizzo.

Attualmente il canone radiotelevisivo ammonta a 451,10 franchi annui e viene riscosso dalla società Billag SA, che ha sede a Friburgo e impiega quasi 250 collaboratori. Il mandato le è stato rinnovato fino al 2019, quando è prevista l'entrata in vigore di un nuovo sistema di riscossione. Secondo quanto promesso dal governo, il nuovo canone sarà inferiore a 400 franchi.

Per la maggioranza dei "senatori", il canone finanzia la radio e la televisione e permette di garantire un servizio pubblico di qualità. In una democrazia diretta come quella svizzera è importante offrire un servizio informativo esaustivo e obiettivo, ha dichiarato Olivier Français (PLR/VD) a nome della commissione preparatoria.

Regioni linguistiche e radio tv-locali

Per i vari oratori succedutisi, è inoltre necessario tenere conto delle diverse regioni linguistiche, in particolare delle minoranze latine che sono chiaramente favorite rispetto alla Svizzera tedesca grazie alla chiave di ripartizione finanziaria. Senza questa solidarietà l'offerta in Romandia, nella Svizzera italiana e romancia sarebbe nettamente ridotta e la SSR non potrebbe più soddisfare il suo mandato di produrre programmi radiotelevisivi equivalenti in tutte le lingue ufficiali, è stato rilevato.

In aula, si sono espressi contro l'iniziativa anche i due rappresentanti del canton Ticino alla Camera dei cantoni: per Fabio Abate (PLR/TI) questa iniziativa è "un colpo sferrato alla coesione nazionale e alla solidarietà nei confronti delle regioni linguistiche minoritarie". "Eppure - ha aggiunto il "senatore" locarnese - c'è nel canton Ticino chi sostiene il testo, non capendo che si tratta di un atteggiamento autolesionistico".

Dal canto suo, Filippo Lombardi (PPD/TI) ha sottolineato come l'iniziativa abbia "un titolo ingannevole, poiché non è la Billag bensì la SSR che si vuole colpire". "Ma - ha proseguito il "senatore" ticinese - a soffrire della soppressione della tassa saranno anche le radio e le tv locali, visto che il canone garantisce l'attività di queste emittenti radiotelevisive private".

Se è vero che nel 2015 la SSR ha ottenuto 1,2135 miliardi di franchi di proventi del canone su un totale di 1,35 miliardi, alle 21 radio locali private sono andati 25,6 milioni di franchi e alle 13 televisioni regionali 41,9 milioni.

Il dossier passa ora al Nazionale. Alla Camera del popolo la SSR gode di meno sostegno rispetto agli Stati. Nell'attesa del dibattito, i fautori e gli oppositori del servizio pubblico potranno far valere le loro opinioni già la settimana prossima.

SDA-ATS