Tutte le notizie in breve

Serena Williams

KEYSTONE/AP Invision/ANDY KROPA

(sda-ats)

Felice per l'ennesimo trionfo sportivo, ma anche preoccupata per quello che sta succedendo a Dallas: Serena Williams è triste per l'escalation di tensione e violenza divampata negli Stati Uniti.

"Chiunque del mio colore è preoccupato. Ho nipoti, e penso: 'Devo chiamarli per dire loro di non uscire?' - si chiede la neo-campionessa di Wimbledon -. Se salgono in macchina, magari è l'ultima volta che li vedo. È una cosa a cui penso e che mi devasterebbe. Sono bravi ragazzi. Non penso che si possa continuare a sparare ai nostri giovani neri, è una situazione davvero drammatica. Ovviamente però non penso che la violenza sia la risposta per risolvere questo problema, e quello che è successo a Dallas è molto triste. Nessuno merita di morire, a prescindere dal colore della pelle, dalla nazionalità: siamo tutti esseri umani. Dobbiamo imparare ad amarci".

sda-ats

 Tutte le notizie in breve