Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il cosnsigliere federale Didier Burkhalter

KEYSTONE/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

La Commissione della politica estera del Consiglio degli Stati si dice preoccupata dai cambiamenti in corso con la nuova amministrazione americana e in una prossima seduta esaminerà nei dettagli la politica di Donald Trump.

Riunitasi alla presenza del "ministro" degli esteri Didier Burkhalter, e del capo del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca, Johann Schneider-Ammann, la commissione ha trattato in particolare dell'avvicendamento alla presidenza degli Stati Uniti e della valutazione da parte del DFAE delle prime decisioni adottate da Trump.

La discussione - informa una nota dei Servizi del parlamento - è stata incentrata, tra l'altro, sulla decisione di vietare l'entrata negli Stati Uniti ai cittadini originari di sette Paesi a maggioranza musulmana e sulle conseguenze per la Svizzera.

Per quanto concerne il nuovo orientamento degli USA in materia di politica commerciale, la commissione si è soffermata sul ritiro di Washington dal Partenariato transpacifico e sul futuro del Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti. Proprio a tale riguardo è emersa la preoccupazione della commissione, che in una prossima seduta farà un ampio giro di valutazione su tutta la politica americana.

Altre decisioni

Con 10 voti contro 2, ha approvato il protocollo alla Convenzione concernente il lavoro forzato, che affronta tra l'altro la tratta di esseri umani. La maggioranza della Commissione reputa che esso permetta di reagire alle nuove forme di lavoro forzato e obbligatorio e che la lotta contro questo fenomeno sia un atto di solidarietà internazionale.

Ha inoltre approvato senza voti contrari un credito d'impegno di 800 milioni di franchi per la garanzia di un prestito al Fondo fiduciario per la lotta alla povertà e la crescita del Fondo monetario internazionale (FMI). Questo progetto, per la commissione, è conforme agli obiettivi della politica economica estera della Svizzera e consente ai Paesi a basso reddito di portare avanti adeguamenti strutturali e di gettare le basi per una crescita economica sostenibile.

Infine ha deciso, senza opposizioni, di sostenere le linee guida del mandato negoziale per un accordo di libero scambio tra gli Stati dell'Associazione europea di libero scambio (AELS) e gli Stati del Mercato comune del Sud (MERCOSUR). La commissione, che è favorevole a integrare nell'accordo alcune disposizioni relative alla protezione sociale e ambientale, ritiene che esso consenta di promuovere la competitività dell'economia svizzera in una regione importante.

SDA-ATS