Tutte le notizie in breve

Le recenti disavventure della BSI legate al fondo sovrano malaysiano 1MDB dovrebbero farne scendere il prezzo

Keystone/KARL MATHIS

(sda-ats)

Il prezzo per l'acquisizione di BSI dovrebbe calare, ma EFG International non può attualmente stimare di quanto.

È comunque chiaro che la confisca di un utile di 95 milioni di franchi da parte della Finma e la multa di 10 milioni imposta da Singapore faranno scendere il prezzo, ha indicato il responsabile delle finanze Giorgio Pradelli durante la conferenza stampa di presentazione dei semestrali EFG svoltasi oggi a Zurigo.

Potrebbe avere lo stesso effetto anche un netto arretramento dei patrimoni amministrati da BSI. Visto che le cifre riguardanti il primo semestre non sono ancora pubblicate non è però possibile esprimersi al riguardo, ha sottolineato il CEO Joachim Strähle.

Al momento dell'annuncio della fusione, a fine febbraio, si era parlato di un'operazione da 1,33 miliardi di franchi, in parte in contanti e in parte in azioni EFG, da corrispondere a BTG Pactual, attuale proprietario brasiliano di BSI.

Riguardo all'andamento degli affari, EFG ha anche fatto sapere che che le attività in Gran Bretagna non hanno finora risentito della Brexit. Non vi è inoltre necessità di procedere a rettifiche di valore.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve