Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il comandante dell'esercito Andre Blattmann sul luogo dell'incidente

KEYSTONE/TI-PRESS/SAMUEL GOLAY

(sda-ats)

A meno di un mese dallo schianto di un F/A-18 sul Susten, un nuovo grave incidente colpisce l'esercito svizzero. Un elicottero Super Puma è precipitato attorno a mezzogiorno sul passo del San Gottardo, a pochi metri dall'ospizio, provocando la morte dei due piloti.

Un assistente di volo è rimasto ferito ed è stato trasportato all'ospedale. Per precauzione, tutti i voli di esercizio di questi aeromobili sono stati sospesi.

L'incidente è avvenuto al momento del decollo. Stando al capo dell'esercito, André Blattmann, che si è espresso sul luogo dell'incidente nel pomeriggio, l'apparecchio avrebbe toccato cavi dell'alta tensione al momento di alzarsi in volo. Diversi testimoni oculari hanno da parte loro raccontato di aver udito un boato e di aver visto una nuvola di fumo alzarsi in cielo.

L'elicottero era in volo nel quadro di una missione di ispezione dell'Organizzazione per la sicurezza e cooperazione in Europa (OSCE) prevista da lunedì a oggi, ha indicato in conferenza stampa a Berna il comandante delle Forze aeree Aldo Schellenberg, dicendosi "profondamente scioccato" dall'accaduto.

Quattro ufficiali francesi e i loro accompagnatori svizzeri erano appena stati depositati sul colle per visitare strutture militari. Nessuno di loro è rimasto ferito e l'ambasciata francese è stata informata. Le ispezioni dell'OSCE avvengono in base al Documento di Vienna che disciplina lo scambio di informazioni militari fra Stati membri.

Sul luogo dello schianto, situato a una cinquantina di metri dall'Ospizio del San Gottardo, sono rapidamente intervenuti i pompieri e tre elicotteri delle Rega decollati dalle basi di Locarno, Erstfeld (UR) e Wilderswil (BE). Per consentire ai soccorritori di operare al meglio, la strada del passo è stata sbarrata nei due sensi di marcia e l'Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC) ha chiuso lo spazio aereo nella regione.

In attesa dell'esito dell'inchiesta, che sarà condotta dalla giustizia militare, le Forze aeree hanno preferito non avanzare altre ipotesi sulla dinamica esatta della sciagura. Schellenberg ha comunque tenuto a ricordare che si tratta del primo incidente che coinvolge un Super Puma dal marzo 2011, quando nel canton Uri erano rimaste ferite tre persone.

L'esercito dispone di 25 elicotteri del tipo Super Puma e Cougar, il modello successivo, ha indicato Lukas Rechtsteiner, responsabile degli istruttori di volo. Possono trasportare fino a 18 passeggeri. I primi tre velivoli sono stati acquistati nel 1987, altri 12 nel 1989. Gli apparecchi vengono regolarmente revisionati. Fra il 2012 e il 2014 hanno sono stati oggetto di un programma di aggiornamento e ammodernamento completo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS