Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La mania dei Pokemon grazie all'applicazione tormentone dell'estate ha attirato fin da subito le attenzioni dei cyber-criminali, ma una falsa app del gioco destinata ai telefoni Android e portatrice di virus ha quasi raggiunto la popolarità del gioco legittimo.

A scovarla sono stati i tecnici di Kaspersky Lab sul Play Store di Google: si tratta dell'applicazione "Guide for Pokemon Go", scaricata oltre mezzo milione di volte e con almeno 6 mila infezioni riuscite. Google è stata avvertita del virus e ha rimosso l'applicazione dal suo negozio digitale.

L'applicazione, spiegano gli esperti, era particolarmente pericolosa: permetteva ai criminali informatici di arrivare al cuore del sistema operativo degli smartphone, con la possibilità di installare o disinstallare altre applicazioni e di mostrare all'utente messaggi pubblicitari indesiderati.

A luglio, secondo l'analisi Kaspersky, è stata disponibile su Google Play almeno un'altra versione dell'app nociva Pokemon Guide. I ricercatori inoltre sono riusciti a risalire ad almeno nove altre app infettate dallo stesso virus e disponibili sul Play Store di Google in diversi momenti a partire da dicembre 2015. Delle 6 mila infezioni andate a buon fine la maggior parte si registra in Russia, India e Indonesia. Tuttavia, da quando l'app si è rivolta agli utenti di lingua inglese, anche i giocatori di queste aree hanno avuto maggiori possibilità di essere colpiti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS