Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un checkpoint dell'esercito sull'isola di Sulu, nel sud delle Filippine.

Keystone/EPA/BEN HAJAN

(sda-ats)

Il corpo di Jürgen Gustav Kantner, l'ostaggio tedesco di 70 anni decapitato dai militanti islamici di Abu Sayyaf pochi giorni fa nel sud delle Filippine, è stato

trovato oggi dall'esercito di Manila durante un raid sull'isola di Sulu, roccaforte del gruppo terrorista.

Lo ha annunciato il generale maggiore Carlito Galvez, comandante regionale delle forze armate filippine.

I resti di Kantner, rapito lo scorso novembre assieme alla moglie (che fu uccisa durante l'assalto) mentre si trovava sulla sua barca a vela al largo delle Filippine, sono stati rinvenuti in un'area montagnosa vicino alla città di Indanan, dopo che negli ultimi giorni scontri tra i militari e i guerriglieri di Abu Sayyaf hanno causato 16 morti tra i militanti e il ferimento di oltre 20 soldati.

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha definito la decapitazione di Kantner - il cui video è stato diffuso online - un "atto abominevole", mentre il presidente filippino Rodrigo Duterte si è scusato con la Germania e i familiari della vittima per non aver salvato Kantner in tempo.

Forte di almeno 400 militanti, Abu Sayyaf è dedito da anni al rapimento di stranieri e filippini per autofinanziarsi, e non è la prima volta che decapita un ostaggio occidentale. Si calcola che al momento gli ostaggi in mano al gruppo siano 31.

SDA-ATS