Tutte le notizie in breve

La raccolta delle firme per l'iniziativa "Per più trasparenza nel finanziamento della politica (Iniziativa sulla trasparenza)" può cominciare. La Cancelleria federale ha informato oggi sul Foglio federale (FF) di aver esaminato e approvato il testo.

I partiti di sinistra e il PBD hanno ora tempo fino al 26 ottobre 2017 per consegnare le 100'000 sottoscrizioni.

Il testo chiede ai partiti politici di rendere pubblici tutti i donatori che versano più di 10'000 franchi. Le formazioni rappresentate all'Assemblea federale devono pubblicare la lista dei "regali" ricevuti da persone fisiche o giuridiche. Anche i conti annuali devono essere resi noti, indicando il bilancio e gli utili o le perdite realizzate, chiedono promotori.

I partiti e i candidati che spendono più di 100'000 franchi per una campagna elettorale o di votazione devono presentare il loro budget prima dello scrutinio, precisando la provenienza dei fondi superiori ai 10'000 franchi.

L'iniziativa vieta inoltre l'accettazione di donazioni anonime in denaro o in natura, tuttavia la legge può prevedere delle eccezioni. Le violazioni vengono sanzionate.

Il comitato che ha lanciato l'iniziativa non intende proibire le donazioni o rendere pubbliche le piccole offerte, si legge sulla sua pagina web, vuole semplicemente che vengano dichiarate quelle di grandi importi.

Se il testo verrà accettato, l'Assemblea federale avrà tempo tre anni per adottare le disposizioni necessarie per la sua attuazione. Se il Parlamento non rispetterà tale scadenza, il Consiglio federale dovrà emanarle entro un anno.

Tra i motivi che hanno spinto il PS a inoltrare questa iniziativa vi sono i costi della campagna per le elezioni federali del 18 ottobre 2015, la più costosa della storia, con somme per candidato che arrivano ai livelli registrati negli Stati Uniti.

I socialisti criticano la mancanza di trasparenza dei loro avversari borghesi. Di recente, casi in relazione al lobbismo hanno reso evidente la necessità di agire. Lo scopo è rendere la pratica più trasparente entro le elezioni federali del 2019.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve