Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

A Cartagena de las Indias firmata la storica intesa tra le autorità e la guerriglia Farc

KEYSTONE/AP/FERNANDO VERGARA

(sda-ats)

Nella giornata nella pace in Colombia, il primo segno concreto di riconciliazione lo ha dato l'Unione Europea, che ha annunciato oggi la sospensione delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (Farc) dalla sua lista di organizzazioni terroristiche.

"La Colombia manda un messaggio di pace. L'Ue dà il suo appoggio e sospende le Farc dalla lista delle organizzazioni terroristiche": con questo messaggio su Twitter l'Alto Rappresentante Federica Mogherini - che si trova oggi a Cartagena de Indias, dove sarà firmato l'accordo fra governo e guerriglia - ha annunciato la decisione presa a Bruxelles.

Per l'occasione, lo splendido centro storico di Cartagena, sulla costa caraibica della Colombia, si è svegliato oggi quasi sotto assedio militare. La presenza di 15 presidenti, 27 ministri degli Esteri, il segretario dell'Onu e le massime autorità delle principali organizzazioni regionali e multilaterali ha portato le autorità ad attivare un dispositivo di sicurezza senza precedenti.

Nelle ore precedenti alla cerimonia della firma, che si svolgerà nel cortile centrale del Centro di Conferenze di Cartagena, sono stati gli illustri invitati esteri ad attrarre l'attenzione dei media. Dopo tutto, centinaia di giornalisti sono stati accreditati per l'evento.

Il segretario di Stato americano, John Kerry, ha incontrato un gruppo di guerriglieri smobilitati delle Farc, così come rappresentanti delle vittime di un conflitto durato più di mezzo secolo, per ribadire l'impegno di Washington per assistere nella delicata fase di implementazione dell'accordo: 660 milioni di dollari.

Anche il ministro degli Esteri canadese, Stéphane Dion, ha annunciato che il suo governo sosterrà economicamente la Colombia nella fase post-trattato, promettendo circa 16 milioni di dollari, in aggiunta ai 50 già annunciati nel luglio scorso per "costruire la pace sostenibile", e particolarmente per lo smantellamento dei campi di mine seminate dalle Farc.

Da parte sua, il segretario di Stato della Santa Sede, cardinale Pietro Parolin, ha presieduto una cerimonia liturgica per la riconciliazione nazionale nella storica chiesa di San Pietro Clavier, durante la quale ha pregato perché "la Colombia impari a dare sollievo al dolore di tanti dei suoi abitanti, per costruire un futuro migliore e ricostruire la dignità di coloro che hanno sofferto e soffrono ancora".

Non tutti, però, si sono associati al clima di festa per la pace e la riconciliazione. L'ex presidente Alvaro Uribe, strenuo difensore del voto per il "no" nel referendum sull'accordo che si svolgerà domenica prossima, è sfilato oggi in testa a un corteo a Cartagena per respingere quella che definisce "una resa".

Accompagnato da poche decine di militanti - le misure di sicurezza non permettevano mobilitazioni di massa - Uribe ha denunciato quello che secondo lui è "un accordo-tradimento, che garantisce l'impunità a un gruppo di delinquenti che si sono dedicati per anni al traffico di droga, il sequestro, lo stupro e il reclutamento di minorenni".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS