Tutte le notizie in breve

Un ebreo osservante di sessantadue anni è stato accoltellato in tarda mattinata nel centro di Strasburgo da un uomo che ha gridato 'Allah Akbhar' prima di colpirlo al petto.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, riportata dai media francesi, l'uomo era appena uscito di casa quando è stato raggiunto da un solo fendente, che lo ha ferito in modo superficiale. Il luogo dell'aggressione, sottolineano fonti della comunità ebraica locale, è a meno di 500 metri dalla grande sinagoga di Strasburgo.

Sotto shock, la vittima si è rifugiata in un bar vicino, dove è stato rapidamente assistito dai presenti prima di essere ricoverato all'ospedale universitario Hautepierre.

L'assalitore, rapidamente fermato dalla polizia, è un abitante del quartiere noto alle forze dell'ordine per "precedenti psichiatrici". Ora si trova in stato di fermo, in attesa che siano ufficialmente formulate le accuse a suo carico.

L'inchiesta al momento è affidata alla procura locale, perché gli inquirenti non ritengono si tratti di terrorismo. Secondo il grande rabbino di Strasburgo, René Gutman, l'uomo sarebbe già stato protagonista di un'aggressione "in circostanze simili" ai danni di un ebreo che indossava la kippah nel 2010, ma la giustizia lo avrebbe riconosciuto mentalmente instabile e internato in un ospedale psichiatrico.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve