Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Tour Eiffel di Parigi subirà un lifting.

KEYSTONE/EPA/CHRISTOPHE PETIT TESSON

(sda-ats)

Trecento milioni stanziati in 15 anni per migliorare comfort e sicurezza di quello che è il monumento simbolo di Parigi nel mondo: la Tour Eiffel. Un piano ambizioso, annunciato dalla sindaca Anne Hidalgo.

Dovrà essere approvato dal Consiglio comunale alla fine del mese, quando sarà lanciata la procedura di rinnovo per i prossimi 15 anni di gestione da parte della Sete (Société d'Exploitation Tour Eiffel) controllata dal Comune al 100% e che si dovrebbe assumere completamente il costo dell'operazione.

È previsto un cospicuo aumento di investimenti visto che al momento sono 13,7 i milioni spesi ogni anno per la manutenzione della celebre Torre e che dovrebbero essere invece portati a 20. Con circa sei milioni di turisti l'anno, la Tour Eiffel è il monumento con più visitatori paganti al mondo e rappresenta il biglietto da visita della capitale francese. "Il piano prevede la creazione di nuovi spazi per accogliere i turisti e una migliore gestione delle file d'attesa", ha spiegato Jean-François Martins, vice di Hidalgo con delega al Turismo. Ma ancora: saranno fatti lavori di pittura, altri per modernizzare gli ascensori, le biglietterie e anche per migliorare il sistema di illuminazione che rende così speciale la Tour quando viene accesa la notte. Particolare attenzione verrà riservata alla sicurezza.

Alcuni dei lavori dovrebbero essere finiti per il 2024: data non casuale, perché Parigi spera in di accogliere in quell'anno l'organizzazione dei Giochi Olimpici per cui è candidata. E se fosse così, la Tour resa più moderna e accogliente sarebbe un'attrazione ancora più grande per i turisti.

La capitale è candidata anche per l'Esposizione Universale del 2025. Ed è proprio in occasione di un evento del genere, nel 1899, che la Tour Eiffel fu inaugurata: doveva essere una struttura temporanea, è diventata il simbolo della Ville Lumière nel mondo.

SDA-ATS