Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La banca statunitense Goldman Sachs chiude il terzo trimestre con utili in crescita del 47% (foto d'archivio).

Keystone/AP/RICHARD DREW

(sda-ats)

La banca statunitense Goldman Sachs chiude il terzo trimestre con utili in crescita del 47%.

Il risultato è da ricercare nel forte aumento dei ricavi dalle attività di trading nel reddito fisso (saliti a 1,96 miliardi di dollari, oltre la stima media di 1,7 miliardi avanzata dagli analisti).

L'utile netto si è attestato a 2,09 miliardi di dollari (2,04 miliardi di franchi), pari a 4,88 dollari ad azione. Il risultato si raffronta a 1,43 miliardi (2,90 dollari ad azione) dello stesso periodo 2015 e supera la stima di un utile per azione di 3,82 dollari.

La trimestrale oltre le attese di Goldman Sachs conferma il buono stato di salute di Wall Street, con le grandi banche americane che hanno presentato risultati superiori alle previsioni del mercato, mostrando una strategia che sembra funzionare. Mentre banche come UBS, Credit Suisse e Deutsche Bank hanno ridotto il trading nei mutui e sui tassi di interesse negli ultimi anni, i colossi statunitensi hanno tenuto duro, preservando la maggior parte dello staff e dell'infrastruttura e mostrando agli investitori che conti migliori erano dietro l'angolo. Conti migliori che sono arrivati nel terzo trimestre.

''Abbiamo registrato una performance solida che ci ha aiutato a bilanciare le tipiche debolezze stagionali'', afferma l'amministratore delegato di Goldman Sachs, Lloyd Blankfein, sottolineando che la banca ''continua a gestire il proprio bilancio in modo conservatore e sta beneficiando della nuova offerta di servizi ai clienti''.

Nonostante i buoni risultati del terzo trimestre, il trend di Goldman Sachs mostra le sfide che la banca si trova davanti. L'utile netto dei primi nove mesi si è attestato a 4,9 miliardi di dollari, l'1% in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. I ricavi sono calati del 15% a 22,4 miliardi di dollari, con un bilancio che continua a contrarsi arrivando alla fine di settembre a 880 miliardi di dollari di asset. ''Ci sentiamo a nostro agio con gli attuali livelli di capitale'', afferma Harvey Schwartz, il chief financial officer di Goldman Sachs, assicurando che la società si adatterà alle norme sul capitale se necessario.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS