Tutte le notizie in breve

Patrik Degiacomi, eletto in municipio a Coira

KEYSTONE/NICK SOLAND

(sda-ats)

La sinistra continua a detenere la maggioranza nel Municipio della città di Coira, composto di sole tre persone. Al secondo turno delle elezioni dell'esecutivo infatti il partito socialista è riuscito a difendere il seggio lasciato libero da Doris Caviezel-Hidber.

Quest'ultimo si è ritirato dopo due mandati: al suo posto è stato eletto Patrik Degiacomi.

Il nuovo membro entra in Municipio a fianco del sindaco Urs Marti (PLR) e di Tom Leibundgut della Lista libera Verda, entrambi rieletti senza problemi al primo turno tre settimane fa.

Degiacomi - responsabile del servizio sociale della città di Coira - ha ottenuto 4212 voti, staccando notevolmente il candidato del PBD Marco Tscholl (2702 voti) e quello dell'UDC Hanspeter Hunger (400 voti). Al primo turno tre settimane fa il 44enne aveva mancato per un soffio l'elezione (300 voti): i partiti borghesi avevano quindi deciso di unire le forze e di designare Tscholl come candidato unico al ballottaggio.

A scompigliare le carte in casa borghese è stata la notizia - ampiamente diffusa dai media cantonali - della parentela tra Tscholl e il sindaco Urs Marti (i due sono cugini): l'UDC ha quindi deciso di non appoggiare la coalizione ed ha lanciato nella corsa Hunger, malgrado avesse raccolto pochissimi consensi al primo turno.

La decisione ha acceso gli animi nel capoluogo grigione, con gli altri partiti borghesi che hanno accusato l'UDC di indebolire il fronte e di regalare la vittoria al PS. Accuse infondate in realtà, in quanto Degiacomi da solo ha ottenuto un migliaio di voti in più di quelli cumulati dai due avversari.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve