Sotto la pressione dei paesi europei creditori della Grecia, il governo di Atene porta avanti, con procedura d'urgenza, la messa in atto della sospensione temporanea dal lavoro del personale in eccesso nelle imprese a partecipazione statale e negli altri enti statali. Il sottosegretario per la Riforma Amministrativa, Ntinos Rovlias, ha presentato ieri sera in Parlamento la lista delle prime 151 imprese o enti statali per i quali sarà applicato la temporanea sospensione dal lavoro dei dipendenti.

Da parte sua, la Segreteria Particolare per le imprese a partecipazione statale (Deco) ha inviato una circolare con la quale viene attivata la sospensione del personale. In base alla circolare, tutti i direttori delle imprese o degli enti statali dovranno inviare alla Segreteria, entro il 26 settembre, le liste con i nominativi del personale in eccesso che dovranno essere almeno il 10% del totale dei dipendenti per ogni impresa o ente. Secondo i giornali greci, si calcola che all'inizio dell'operazione saranno almeno 3'500 i lavoratori che saranno temporaneamente sospesi dal lavoro, mentre entro il 1015 verranno licenziati 20'000 dipendenti pubblici.

Primi nelle liste dovranno essere coloro che hanno maturato il diritto alla pensione, quelli che hanno raggiunto l'età pensionistica e quelli con requisiti inferiori agli altri come il solo diploma della scuola elementare.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Come votano gli Svizzeri all'estero? Partecipa al sondaggio SSR !

Come votano gli Svizzeri all'estero? Partecipa al sondaggio SSR !

Come votano gli Svizzeri all'estero? Partecipa al sondaggio SSR !

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.