Tutte le notizie in breve

Flessione dei prezzi dello 0,4% rispetto a giugno e dello 0,2% sull'arco dei dodici mesi (foto d'archivio)

KEYSTONE/PATRICK B. KRAEMER

(sda-ats)

I prezzi al consumo in luglio sono diminuiti in Svizzera sia su base mensile che nel confronto annuo.

Il relativo indice calcolato dall'Ufficio federale di statistica (UST) si è attestato a 100,3 punti, segnando una flessione dello 0,4% rispetto a giugno e dello 0,2% sull'arco dei dodici mesi.

La flessione mensile è dovuta soprattutto ai saldi nel settore dell'abbigliamento. In calo sono anche i prezzi di pernottamenti in albergo, prodotti petroliferi e trasporti aerei. Sono invece aumentati quelli dei viaggi forfettari e delle automobili.

Nel dettaglio, sono risultati in diminuzione gli indici di indumenti e calzature (-8,9%), mobili, articoli e servizi per la casa (-0,6%), ristoranti e alberghi (-0,6%), trasporti (-0,3%), abitazioni ed energia (-0,1%), nonché altri beni e servizi (-0,3%).

In crescita i prezzi per tempo libero e cultura (+0,4%) e prodotti alimentari, bevande analcoliche (+0,1%). I gruppi bevande alcoliche e tabacchi, sanità, comunicazioni e insegnamento sono rimasti invariati.

Sempre rispetto a giugno i prezzi dei prodotti indigeni sono calati dello 0,1%, mentre quelli dei prodotti importati dell'1,6%. Su base annua i prodotti indigeni non hanno subito variazione mentre quelli importati si sono ridotti dello 0,9%.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve