Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le misure di prevenzione per l'epidemia di influenza aviaria verranno revocate a partire da domani. Immagine d'archivio.

KEYSTONE/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

Le misure di prevenzione per l'epidemia di influenza aviaria verranno revocate a partire da domani. Lo ha comunicato oggi l'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV).

La decisione è stata presa poiché il numero di uccelli colpiti dalla malattia è notevolmente diminuito. Da inizio marzo le temperature sono diventate più miti, la maggioranza degli uccelli migratori ha lasciato il luogo di svernamento e il rischio di contagio per i volatili da cortile si è ridotto, si legge in una nota.

Il virus dell'influenza aviaria del sottotipo H5N8 è stato riscontrato per la prima volta a inizio dello scorso novembre in uccelli trovati morti nella zona del lago di Costanza. In totale, su 376 animali analizzati, 121 sono risultati positivi, principalmente morette, gabbiani e cigni. L'ultima morte risale al 6 gennaio.

Le misure di prevenzione introdotte in novembre esigevano un accesso separato a cibo e acqua. Da allora in Svizzera non sono stati riscontrati casi nei volatili da cortile, sottolinea l'USAV.

Rispetto all'Europa, la Svizzera ha avuto molti uccelli selvatici colpiti dall'influenza aviaria ma è uno dei pochi Paesi a non aver riscontrato casi nei volatili da cortile. A tale risultato hanno contribuito probabilmente la struttura degli impianti di detenzione dei volatili, la rapidità con cui sono state prese le misure di prevenzione e il numero ridotto di palmipedi da allevamento.

Secondo l'USAV ci si deve comunque aspettare una nuova diffusione dell'influenza aviaria in Europa nei prossimi anni e sarà quindi necessario trovare soluzioni a lungo termine per i volatili da cortile.

SDA-ATS