Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono oltre 150.000 i civili costretti a fuggire dai quartieri occidentali di Mosul da quando, il mese scorso, le forze lealiste irachene hanno lanciato un'offensiva per strappare all'Isis anche questa parte della città, dopo quella orientale riconquistata in gennaio.

Lo ha reso noto il ministro per i migranti e gli sfollati, Jassem Mohammad al Jaff.

Secondo dati dell'Onu, all'inizio della nuova offensiva, il 19 febbraio, si stimava che fossero 750.000 i civili presenti a Mosul ovest.

"In totale 152.000 civili - ha detto Jaff - sono fuggiti dall'inizio dell'operazione militare. Di questi, 98.591 sono stati sistemati in campi profughi, mentre altri 54.208 sono stati alloggiati presso parenti nei quartieri orientali e meridionali della città".

SDA-ATS