Italia: hotel Rigopiano, italiana cresciuta in Svizzera dispersa


 Tutte le notizie in breve

Italia: hotel Rigopiano, italiana cresciuta in Svizzera tra dispersi.

KEYSTONE/ITALIAN FIRE DEPARTMENT/ITALIAN FIRE DEPARTMENT HANDOUT

(sda-ats)

Vi sarebbe anche una ragazza italiana nata e cresciuta in Svizzera tra i dispersi della valanga che ha investito mercoledì l'Hotel Rigopiano di Farindola, nel cuore del Gran Sasso (Pescara).

Lo sostengono diversi media che fanno riferimento al quotidiano torinese La Stampa. Da Berna solo una precisazione: la persona in questione non ha la cittadinanza elvetica.

Interpellato dall'ats, il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) afferma di essere al corrente delle voci relative alla 22enne ma, "stando alle nostre ricerche" la persona citata dai media "non è cittadina svizzera". Berna precisa che la rappresentanza elvetica in loco è in costante contatto con le autorità italiane: "finora non siamo a conoscenza di feriti o vittime svizzere". Le ricerche - conclude il DFAE - "sono tuttora in corso".

La voce riguardante una ragazza svizzera cresciuta nel canton San Gallo (o Zurigo secondo altre fonti) è iniziata a circolare già ieri sera, dopo che La Stampa di Torino aveva pubblicato sul suo sito online la lista delle persone registrate presso l'hotel e date per disperse. Contattato dall'ats, il DFAE non aveva in un primo tempo potuto esprimersi in merito a causa della situazione caotica e concitata nella regione abruzzese.

Stamane la smentita: la 22enne è forse - come sostengono varie fonti - nata e cresciuta nella Confederazione, ma sicuramente non possiede il passaporto elvetico.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve