Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ergastolo confermato per il boss della mafia Francesco Tagliavia, accusato di aver fornito l'esplosivo che ha provocato la strage in via dei Georgofili a Firenze, il 27 maggio 1993, uccidendo cinque persone e ferendone 40.

Lo ha stabilito la seconda sezione penale della Cassazione nell'ambito del processo bis al termine della riserva stabilita dopo la camera di consiglio un mese fa.

Il 20 gennaio, il sostituto procuratore generale, Mario Pinelli, aveva sollecitato la conferma della sentenza emessa dalla Corte d'appello di Firenze il 24 febbraio 2016 che aveva condannato nuovamente Tagliavia all'ergastolo e all'isolamento diurno di un anno.

È la seconda volta che il processo approda in Cassazione, dal momento che la stessa Suprema Corte aveva annullato con rinvio la prima sentenza d'appello per una valutazione degli elementi di prova a sostegno delle dichiarazioni dei pentiti Gaspare Spatuzza e Pietro Romeo che accusavano Tagliavia.

SDA-ATS