Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il personale italofono nell'amministrazione federale alla fine dello scorso anno rappresentava il 7% del totale.

KEYSTONE/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

Il numero di collaboratori italofoni nell'amministrazione federale è sostanzialmente stabile. Lo indica il rapporto approvato oggi dal Consiglio federale sulla gestione del personale per l'anno 2016.

Stando al documento, la presenza di personale italofono era a fine 2016 del 7% (una percentuale rimasta pressoché invariata dal 2012). Tale valore si situa nella parte bassa della forbice indicata dal Consiglio federale: 6,5%-8,5%.

Anche se a livello generale la presenza di italofoni si avvicina agli obiettivi del governo, le cose cambiano radicalmente se si considerano i singoli dipartimenti.

A parte la Cancelleria federale e i Dipartimenti federali delle finanze (DFF) e di giustizia e polizia (DFGP), con percentuali rispettivamente del 20,7%, del 10,1% e del 7,1%, negli altri dipartimenti la presenta italofona è inferiore ai valori di riferimento: si va da un 4,5% del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR) al 6% del Dipartimento federale dell'interno.

Le alte percentuali della Cancelleria federale e del DFF si spiegano con la forte presenza di italofoni nei servizi linguistici (traduttori), nonché con l'importante effettivo di doganieri impiegato a Sud delle Alpi.

Lo stesso discorso fatto per gli italofoni vale anche per le altre minoranze latine: i romandi risultano leggermente sottorappresentati nell'amministrazione federale (quota di riferimento: 21,5%-23,5%, effettivo: 21,4%), mentre i romanci sono nettamente al di sotto dell'obiettivo (fissato al 0,5%-1,0%, effettivo 0,3%). Da parte loro, i tedescofoni sono ancora una volta sovrarappresentati (sono il 71,3%, obiettivo: 68,5%-70,5%).

SDA-ATS