Tutte le notizie in breve

Disordini sono scoppiati oggi in due distretti dello Stato indiano di Jammu & Kashmir dove negli ultimi due giorni tre militanti del movimento Hizbul Mujaheddin (Hm) sono stati uccisi dalle forze di sicurezza.

Fin dal mattino, riferisce l'agenzia di stampa Uni, pur non essendovi alcun appello ufficiale a manifestare, la situazione è apparsa molto tesa nei distretti di Shopian e Pulwana dove sono morti i militanti, con la chiusura di negozi ed uffici pubblici ed uno scarso traffico.

Per prevenire incidenti, le autorità locali avevano disposto il dispiegamento di ingenti reparti di agenti speciali e militari specialmente lungo le principali arterie di comunicazione, come la statale fra Jammu e Srinagar.

Questo non ha impedito però che, durante il funerale dei due militanti uccisi oggi, migliaia di persone che gridavano slogan anti-indiani si siano scontrate con la polizia anti-sommossa a Pulwana in incidenti di cui non si conosce l'eventuale bilancio di feriti.

Al lancio di sassi e bastoni da parte dei manifestanti che hanno anche appiccato il fuoco ad un blindato, gli agenti hanno risposto con l'uso di gas lacrimogeni, idranti e sfollagente.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve