Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Posta rinuncia definitivamente agli scooter a benzina. I circa 6300 veicoli di distribuzione sono ora tutti elettrici. Ciò permette di risparmiare 600 tonnellate di CO2 all'anno, indica la società in una nota odierna.

L'ultimo veicolo a benzina era usato per recapitare le lettere a Stein (SH). Si trattava dell'ultimo esemplare di circa 70 scooter a motore di questo tipo che circolavano nel 2016 per il recapito delle lettere, precisa il gigante giallo. Inizialmente se ne contavano 7500.

Dall'inizio dell'anno, tutti i veicoli a due e tre ruote per il recapito della posta sono alimentati a batteria con corrente ecologica certificata "naturemade star" proveniente dalla Svizzera. Consumano circa sei volte meno energia rispetto a quelli a benzina. I 6300 scooter della Posta costituiscono il più grande parco di questo tipo in Europa.

L'ultimo scooter a benzina è stato trasferito nel deposito del Museo della comunicazione a Schwarzenburg, presso Berna, come testimonianza del passato.

SDA-ATS