Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Clima più sereno da Salt (archivio).

KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI

(sda-ats)

La ristrutturazione di Salt è ultimata, afferma il suo responsabile Andreas Schönenberger. Il terzo operatore mobile della Svizzera ha tagliato 200 posti nei ultimi tre anni e negli ultimi mesi quasi tutti i suoi dirigenti hanno lasciato il gruppo.

Dopo il taglio di effettivi, adesso l'ambiente è molto buono, assicura Schönenberger intervistato dal domenicale Schweiz am Sonntag. La ristrutturazione deve permettere a Salt di riannodare con il successo a lungo termine, spiega l'ex direttore di Google Svizzera, che da un anno è passato alla testa dell'operatore con sede a Renens (VD).

La ristrutturazione ha interessato soprattutto i settori IT e marketing. Schönenberger è fiducioso e ritiene che vi siano potenziali di crescita nella telefonia mobile, in particolare tra i clienti privati. Respinge l'idea di una fusione tra Salt e Sunrise. "Per il momento siamo da soli e vogliamo restarci", afferma.

In seguito a fatturato e utili in calo, Salt ha ridotto i costi e soppresso impieghi. Alla fine di giugno, l'impresa contava 775 posti di lavoro a pieno tempo contro gli 883 alla fine di dicembre del 2015.

SDA-ATS