Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In 360 sono pronti in ogni momento per un intervento immediato

Keystone/KARL MATHIS

(sda-ats)

Le FFS sono pronte a fronteggiare neve e gelo. In caso di intense nevicate 360 collaboratori sono di picchetto in tutta la Svizzera da metà ottobre a fine marzo per garantire la circolazione dei treni.

Spalare, spazzare la neve, spargere sale e pulire: le attività del servizio invernale delle FFS comportano una pianificazione che comincia già in estate, hanno indicato i responsabili delle Ferrovie federali in una conferenza stampa a Zurigo.

Si tratta ad esempio di controllare i riscaldamenti degli scambi e preparare gli attrezzi per lo sbrinamento. Anche le nevicate di una durata fino a tre giorni possono essere gestite senza tangibili restrizioni dell'esercizio ferroviario.

Da quest'anno il servizio invernale delle FFS dispone anche di un sistema di preallarme: un cosiddetto "indice invernale", calcolato a partire da fattori come il freddo e il vento, permette di impiegare collaboratori e macchinari in modo più mirato.

Circa il 50% degli scambi è dotato di un sistema di riscaldamento, per un totale di 7400 dispositivi. Malgrado i lavori di preparazione, neve, ghiaccio e freddo possono causare ritardi.

Nelle situazioni in cui vi è il rischio che cadano blocchi di ghiaccio, il centro d'analisi delle FFS adegua la velocità dei treni. Anche salire e scendere dai treni può richiedere più tempo. Grazie a un'accurata preparazione, nella stagione fredda i treni risultano complessivamente altrettanto puntuali che in estate.

SDA-ATS