Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un centinaio di poliziotti hanno riportato gradualmente la calma.

Keystone/APA/CHRISTIAN ESSLER

(sda-ats)

Scontri fra estremisti di destra e profughi sono avvenuti ieri notte nella cittadina di Bautzen, in Sassonia, nell'est della Germania. Lo ha riferito un portavoce della polizia.

80 militanti di estrema destra e 20 giovani profughi si sono affrontati in una piazza del centro, con insulti, lancio di bottiglie e qualche scontro fisico.

A riportare gradualmente la calma sono intervenuti un centinaio di poliziotti, che hanno dovuto impiegare spray urticante e manganelli mentre i giovani profughi lanciavano contro di loro bottiglie. Anche nei mesi scorsi erano avvenuti incidenti a Bautzen fra locali e richiedenti asilo.

La tensione tra estremisti locali e profughi stava montando da lunedì, ha riferito l'emittente N24. "Conflitti" c'erano stati già nei mesi precedenti e martedì un 32enne della cittadina sassone era stato ferito dal lancio di una bottiglia, segnala l'agenzia Dpa.

A febbraio era stata ostacolata l'opera di spegnimento di un incendio doloso che aveva distrutto un centro di accoglienza per profughi, ricorda l'agenzia. C'erano stati anche applausi e altre manifestazioni di gioia per l'attentato. Quando a marzo il presidente della Repubblica Joachim Gauck si era recato a Bautzen per dimostrare solidarietà ai migranti era stato contestato e insultato al grido "traditore del popolo", ricordano il sito del settimanale die Zeit e N24. Il termine "Volksverraeter" era spesso usato dai nazisti per indicare tutti gli oppositori del terzo Reich ma fu utilizzato anche dal regime comunista dell'allora Ddr dove si trova Bautzen.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS