Nel compito di "smantellare totalmente il campo" di Calais, "il governo francese andrà fino in fondo" ma nello sforzo umanitario i britannici "devono fare la loro parte". Lo ha detto il presidente francese, Francois Hollande, in visita a Calais.

"Voglio esprimere - ha continuato - la mia determinazione a vedere le autorità britanniche fare la loro parte nello sforzo umanitario che la Francia compie qui e continuerà a compiere domani". "Non è perché la Gran Bretagna ha preso una decisione sovrana - ha aggiunto con riferimento alla Brexit e agli accordi del Touquet firmati nel 2003 che situano la frontiera britannica in Francia - che ora non ha più obblighi rispetto alla Francia".

In quello che i media francesi presentano come "il nuovo ring della campagna elettorale" - una settimana fa la visita di Calais toccò a Nicolas Sarkozy - il presidente ha ribadito la sua determinazione a smantellare definitivamente il campo della Lande, ribattezzato "la giungla", dove si ammassano fra le 7.000 e le 10.000 persone. "Il governo andrà fino in fondo" ha aggiunto Hollande parlando davanti alle forze dell'ordine e prendendo "per quanto possibile, le distanze dalle strumentalizzazioni o dalle polemiche che voltano le spalle ai valori della Repubblica".

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.