Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Calais: interprete violentata, probabilmente da migrante (foto simbolica).

KEYSTONE/AP/THIBAULT CAMUS

(sda-ats)

Una interprete della tv francese France 5, che accompagnava un giornalista in un reportage nella "giungla" di Calais, il campo migranti nel nord della Francia, è stata violentata la notte scorsa.

Secondo quanto si apprende dalla procura, la donna - 38 anni, di origini afghane e traduttrice di lingua pashtu - sarebbe stata violentata da un uomo sotto la minaccia di un coltello. Dai primi accertamenti sembra che l'autore dello stupro sia un migrante.

La troupe di France 5 stava girando di notte, fra le 2 e le 3, quando è stata aggredita da 3 afghani, in base alla ricostruzione della Procura secondo la quale si trattava "a priori di tre migranti, stando alle dichiarazioni delle vittime".

All'inizio gli aggressori hanno tentato di rubare il materiale televisivo, poi uno dei tre ha violentato l'interprete minacciandola con un coltello. Il giornalista e l'operatore venivano tenuti a distanza, anche loro sotto la minaccia di un'arma.

La troupe, che ha una lunga esperienza sul terreno, stava preparando da mesi un'inchiesta sui minorenni che vivono da soli nel campo di Calais. I tre aggressori sono ricercati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS