Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ha perso il figlio dopo che all'ospedale di Melegnano (Milano), dove si era presentata nel pomeriggio del 2 gennaio, le hanno detto che era tutto a posto rimandandola a casa, nonostante avvertisse forti dolori addominali.

Poi in serata ha iniziato a perdere sangue e quando è tornata in ospedale e le è stato fatto un cesareo d'urgenza, per il feto non c'era più niente da fare. Lo riporta il Corriere della Sera, spiegando che la Procura di Lodi ha aperto un'inchiesta.

La donna, 33 anni, ha sporto denuncia ai Carabinieri di Melegnano dopo avere perso il figlio, probabilmente soffocato dal cordone ombelicale.

Sono state sequestrate le cartelle cliniche e sul feto verrà eseguita l'autopsia nei prossimi giorni. "Vogliamo sapere se ci sono delle responsabilità e quali - spiegano gli avvocati della famiglia - Faremo di tutto per accertarlo".

SDA-ATS