Tutte le notizie in breve

I cinque ministri degli esteri dei Paesi di lingua tedesca, riunitisi oggi in Liechtenstein, si sono detti a favore di una maggiore collaborazione nella prevenzione dell'estremismo violento e a relazioni più costruttive tra membri dell'UE e Stati confinanti.

L'incontro, informa in un comunicato il Dipartimento degli affari esteri (DFAE), si è svolto al castello Gutenberg di Balzers, dove si sono dati appuntamento lo svizzero Didier Burkhalter, la ministra del principato Aurelia Frick, l'austriaco Sebastian Kurz, il lussemburghese Jean Asselborn e il tedesco Frank-Walter Steinmeier.

I ministri hanno valutato le possibilità di promuovere la sicurezza cooperativa e la collaborazione regionale nel Vicino Oriente. Didier Burkhalter ha presentato il piano d'azione della Svizzera per la prevenzione dell'estremismo violento e ha segnalato l'impegno profuso dal Paese nella politica di sviluppo a lungo termine in questa regione.

Inoltre i ministri si sono prefissi di incentivare la formazione professionale duale, per la quale nel 2015 è stato istituito un comitato congiunto di donatori, con sede in Svizzera. L'incontro è stato anche l'occasione per confermare la volontà di promuovere la lingua tedesca a livello globale e per discutere della collaborazione all'interno dell'ONU.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve