Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'assassino di Monaco di Baviera (D) era un razzista con un orientamento di estrema destra, sentiva come un "onore" l'essere nato il 20 aprile, lo stesso giorno di Adolf Hitler, e traeva vanto del fatto di essere di "razza ariana" in quanto di origine iraniana.

È quanto riferisce la Frankfurter Allgemeine Zeitung (FaZ) citando fonti dei servizi di sicurezza. D'altra parte, Ali Sonboly odiava visceralmente i turchi e gli arabi, rispetto ai quali si sentiva "superiore".

È per questo che gli inquirenti stanno valutando l'ipotesi che il giovane killer abbia in verità selezionato le sue vittime, che avevano tutte un background di immigrazione: tre teenager avevano infatti origini turche e turca era la donna 45enne. Altri tre teenager, un ragazzo e due ragazze, erano albanesi del Kosovo.

Ove questa ipotesi fosse verificata, destituirebbe di fondamento quella secondo cui il giovane avrebbe agito in uno stato di malattia mentale ed in reazione al bullismo subito dai coetanei.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS