Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Esther Yakubu, la madre di una delle studentesse rapite da Boko Haram ha riconosciuto la figlia in un filmato

KEYSTONE/AP/OLAMIKAN GBEMIGA

(sda-ats)

Esteher Yakubu, madre di una delle studentesse nigeriane rapite dai Boko Haram più di due anni fa nella loro scuola a Chibok ha riconosciuto la figlia grazie al nuovo video postato su Twitter che ritrae una cinquantina di loro.

"La ragazza nel video ha parlato nella lingua di Chibok ed ha chiamato la madre per nome", ha detto il capo della comunità che si trova nell'estremo nord-est del Paese, Pogu Bitrus, aggiungendo che "sua madre adesso ha visto il video e l'ha riconosciuta".

La giovane, avvolta da un hijab ma con il volto scoperto, ha invocato aiuto spiegando che il suo gruppo non ha più acqua e cibo, che alcune di loro sono morte nei bombardamenti dell'aviazione, mentre in 40 sono state date in mogli ai militanti del gruppo jihadista.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS