Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Troppi gli edifici in costruzione, secondo il direttore del portale Immoscout 24 (foto rappresentativa d'archivio)

KEYSTONE/ALEXANDRA WEY

(sda-ats)

Nonostante l'aumento delle superfici sfitte e il calo dei rendimenti degli investimenti immobiliari si continua a costruire troppo in Svizzera: lo sostiene Martin Waeber, direttore del portale Immoscout24.

"Esiste un evidente divario tra domanda e offerta", afferma lo specialista in un'intervista pubblicata dal portale finanziario Cash. Da alcuni anni l'immigrazione netta è in calo, mentre l'attività di costruzione continua a crescere: questo porta a superfici non utilizzate.

Se fra il 2010 e il 2013 meno dell'1% degli appartamenti era vuoto, oggi la quota è salita all'1,47%. E all'orizzonte non vi sono cambiamenti: le domande di costruzione fanno ritenere che anche nei prossimi verranno creati molti nuovi alloggi.

Waeber stima che ogni anno circa il 10% delle costruzioni sia in eccesso. Il motivo di questa situazione è legato ai tassi d'interesse. "Si può ancora ottenere un buon rendimento, in confronto a investimenti alternativi", spiega l'esperto.

Visto che non vi sono indizi di prossimi cambiamenti sui fronti dei tassi il quadro non è destinato a cambiare presto e l'attività edilizia difficilmente calerà nei prossimi 2-3 anni, si dice convinto Waeber.

I profitti dipendono però anche molto dalla regione: stando alle cifre pubblicate dalla società di consulenza immobiliare IAZI, relative al 2016, il canton Friburgo è in testa con un rendimento del 7,9% e anche Zurigo non sfigura, con il 6,2%. Più contenuti sono i guadagni in Ticino: 3,5%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS