Tutte le notizie in breve

Un gruppo di ufficiali dell'esercito ha fondato questo week-end un'associazione alternativa a quelle esistenti: dovrebbe essere una piattaforma dove graduati possano e debbano esprimersi in modo critico senza temere la fine della loro carriera militare.

"Ufficiali di milizia Svizzera - Indipendente. Vigile. Critica" è il motto dell'associazione che si rivolge ai giovani quadri di milizia ai quali intende dare un'alternativa alle esistenti organizzazioni degli ufficiali, ha detto all'ats il principale promotore, Hanspeter Draeyer confermando un'informazione della Zentralschweiz am Sonntag e della Ostschweiz am Sonntag.

I promotori respingono "la cultura del divieto di pensare che vige nell'Esercito e nelle organizzazioni vicine al Dipartimento federale della difesa (DDPS)". Cercano un dialogo aperto, senza museruola, ha sottolineato Draeyer.

Lo scopo è di trovare risposte giuste a minacce reali e pericolose. Il progetto di sviluppo dell'esercito deciso dal Parlamento non risponde a queste esigenze e non adempie la missione di difesa, secondo Draeyer. La riforma si basa su un'analisi della sicurezza del 2010 che non è più attuale, ha aggiunto.

La pagina internet - milizoffiziere.ch - è stata lanciata venerdì.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve