Oms: nel mondo 322 milioni di depressi, +20% in 10 anni


 Tutte le notizie in breve

Ne soffrono ben 322 milioni di persone al mondo, ed è un numero cresciuto negli ultimi dieci anni di quasi il 20%. Ma meno della metà si cura.

La depressione, tra le prime cause di invalidità al mondo, è al centro della Giornata della Salute che verrà celebrata il 7 aprile dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms).

Malattia nascosta e subdola, si manifesta con sintomi come costante tristezza, perdita di interesse nelle attività e bassa stima di sé, accompagnati spesso da poco appetito, sonno disturbato, apatia, scarsa concentrazione.

Secondo i dati diffusi dall'Oms, e relativi al 2015, ne soffre il 4,4% della popolazione mondiale, ovvero 322 milioni di persone, una cifra superiore al numero degli abitanti di tutti gli Stati Uniti d'America (318 milioni).

Del male del vivere ne soffrono più le donne (circa il 5,1% della popolazione mondiale femminile) rispetto agli uomini (3,6%). Quasi la metà di chi ne è colpito vive in Asia Sud-Orientale e in Occidente e colpisce ovunque ma soprattutto nelle fasce di popolazione a reddito basso o medio basso.

Più raramente interessa i bambini e gli adolescenti sotto i 15 anni mentre la fascia di età più a rischio è tra i 50 e i 70 anni. In particolare, tra le donne di età compresa tra 55 e i 74 anni quelle depresse superano il 7,5%.

Una malattia, sottolinea l'Oms, in costante e drammatica crescita. Dal 2005 al 2015 ha visto infatti un aumento del 18,4% dei casi, ma solo la metà di chi ne è colpito ha accesso a cure e trattamenti adeguati, proporzione che cala al 10% in alcuni Paesi particolarmente poveri. Un dato allarmante, visto che quando non curata, porta, nei casi più gravi, anche al suicidio.

Nel 2015 ben 788.000 persone sono morte togliendosi la vita. Il suicidio rappresenta a livello mondiale l'1,5% di tutti i decessi e, in particolare, è la seconda causa di morte tra i giovani tra i 15 ed i 29 anni di età.

Di qui lo slogan "Depressione, parliamone" (Depression: Let's talk) scelto dall'Oms per la Giornata mondiale della Salute 2017, che si celebra il prossimo 7 aprile, in occasione dei 69 anni dall'inizio delle proprie attività, avvenuto nel 1948.

All'insegna dell'hashtag #LetsTalk, obiettivo della campagna è incoraggiare chi ne soffre a parlare della propria esperienza e cercare un aiuto.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve