Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Soldati dell'esercito pakistano in azione dopo l'attentato.

KEYSTONE/AP/MOHAMMAD SAJJAD

(sda-ats)

E' salito a 25 morti e 29 feriti il bilancio provvisorio dell'attentato compiuto da un kamikaze in una moschea della Mohmand Agency, territorio tribale nord-occidentale pachistano al confine con l'Afghanistan.

L'attentato è stato rivendicato in serata dal gruppo radicale talebano Jamaat ul Ahrar (JuA).

Il vice capo amministrativo del territorio, Naveed Akbar ha indicato che l'attentatore suicida è entrato in azione verso le 13,30 locali, dopo la preghiera del venerdì.

A quanto ha precisato lo stesso Akbar, il kamikaze si è fatto esplodere una volta raggiunto il porticato della moschea, dove si trovavano circa 200 persone. Secondo testimoni, prima di attivare l'esplosivo ha gridato 'Allah u Akbar!' (Dio è il più grande!).

Quasi tutta la popolazione della Mohmand Agency è composta da sunniti Deobandi, mentre gli sciiti si trovano nella Kurram Agency ed in parte della Orakzai Agency.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS