Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I ministri degli esteri Frank-Walter Steinmeier, Paolo Gentiloni e Jean-Marc Ayrault

KEYSTONE/AP ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI

(sda-ats)

"Per ora non è nostra intenzione entrare in una discussione sulle sanzioni" nei confronti della Russia, ma vogliamo "convincere Assad e Mosca a mettere fine ai bombardamenti e a riprendere il processo politico".

Lo ha detto il ministro degli Esteri francese, Jean-Marc Ayrault, dopo un incontro a Roma con i colleghi di Italia Paolo Gentiloni e di Germania Frank-Walter Steinmeier.

Il ministro ha ricordato che il Consiglio Onu dei diritti umani avvierà un'indagine per stabilire le responsabilità delle violenze in Siria e "poi prenderemo le decisioni necessarie". Ayrault ha peraltro ricordato che con la Russia c'è stato un disaccordo sulla risoluzione al Consiglio di Sicurezza perché Mosca non voleva che vi fosse inserita la fine dei bombardamenti, e "questo non potevamo accettarlo".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS