Tutte le notizie in breve

Philae, il primo veicolo costruito dall'uomo ad aver mai messo 'piede' su una cometa

KEYSTONE/EPA/ESA / ATG MEDIALAB / HANDOUT

(sda-ats)

Finisce in silenzio la storica avventura di Philae, il primo veicolo costruito dall'uomo ad aver mai messo 'piede' su una cometa.

Il lander di Rosetta, missione dell'Agenzia spaziale europea (Esa), era sceso il 12 novembre 2014 sulla superficie della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko da dove aveva inviato preziose informazioni per scoprire molti segreti di questi affascinanti oggetti del Sistema Solare, forse le 'culle' che hanno portato la vita sulla Terra. La sonda Rosetta proseguirà a studiare la cometa ancora per 2 mesi prima di iniziare il 30 settembre una 'dolce' discesa finale.

La missione di Philae si è conclusa ufficialmente alle 11.00 di questa mattina quando i tecnici del centro di controllo dell'Agenzia spaziale tedesca (Dlr) a Colonia, che controllano il lander per conto dell'Esa, hanno inviato il comando per lo spegnimento del dispositivo a bordo della sonda Rosetta che ne permetteva di poter restare in contatto con il lander, in silenzio dal luglio 2015.

"Philae ci ha fatto di nuovo sognare - ha spiegato all'agenzia di stampa italiana Ansa Mario Salatti, coresponsabile di Philae per l'Agenzia spaziale italiana (Asi) - e ci ha fatto toccare quasi con mano una cometa, uno degli oggetti più affascinanti del cielo e un testimone della nascita del Sistema Solare". Dopo un viaggio per più di dieci anni 'abbracciato' alla sonda Rosetta il lander è stato il protagonista della fase più emozionante della missione.

La sua discesa da brivido è stata ricca di colpi di scena e si è conclusa dopo due pericolosi rimbalzi e 'l'accometaggio' finale in un qualche anfratto che non ha permesso l'apertura dei pannelli solari. A causa dalla discesa 'rocambolesca' Philae ha avuto a disposizione solo le 60 ore di autonomia garantita dalla sue batterie e dopo i primi giorni di piena funzionalità ha avuto difficoltà di comunicazione con la Terra.

"Nonostante tutto Philae è stato un successo, ha completato la sua missione scientifica primaria - ha aggiunto Salatti - e nella sfortuna ci ha fatto scoprire aspetti che non avremmo potuto scoprire se si fosse fermata in modo 'regolare'".

sda-ats

 Tutte le notizie in breve