Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Pheonix Mecano, il fabbricante specializzato nei componenti per l'industria meccanica e le telecomunicazioni, nel 2016 ha migliorato i suoi risultati: l'utile netto ha raggiunto i 24,5 milioni di franchi, contro i 7 milioni del 2015.

La cifra d'affari è salita a 577,5 milioni, in aumento del 4,2%, ha precisato oggi l'azienda con sede a Stein am Rhein (SH) e Kloten (ZH). In valuta locale le vendite sono progredite del 5,8%.

Alla crescita del giro d'affari hanno contribuito i cambiamenti volti a consolidare il gruppo e in particolare l'acquisizione dell'azienda tedesca Ismet.

Anche il risultato operativo prima di interessi e imposte (Ebit) ha registrato una crescita, a 34,5 milioni di euro, contro i 30,4 dell'anno prima. Questa cifra comprende un onere unico di 2,4 milioni dovuto all'integrazione di Ismet.

Quanto all'esercizio in corso, Phoenix Mecano si dice ottimista: malgrado le incertezze legate all'evoluzione del quadro economico, in particolare per le vicende politiche in USA (Trump) e Regno Unito (Brexit), l'azienda prevede una ulteriore crescita delle vendite e dell'utile operativo.

SDA-ATS