Tutte le notizie in breve

Crescita zero nel terzo trimestre per l'economia svizzera: il prodotto interno lordo, rispetto ai tre mesi precedenti, è infatti rimasto invariato. Su base annua è invece salito dell'1,3%, rende noto stamane la Segreteria di stato dell'economia (SECO).

ll dato annunciato oggi è inferiore alle attese degli economisti consultati dall'agenzia finanziaria AWP, che avevano pronosticato un aumento sul trimestre da 0,1% a 0,4% e una progressione annua tra l'1,5% e il 2,3%.

L'economia elvetica subisce quindi una battuta d'arresto dopo un'espansione dello 0,6% nel secondo trimestre e dello 0,3% nel primo. Gli analisti si attendevano un rallentamento, dopo un secondo trimestre vigoroso, ma non una stagnazione, giudicata "deludente".

Sul fronte dei consumi gli impulsi di crescita sono stati praticamente nulli, secondo la SECO. Le spese delle economie domestiche e delle istituzioni private senza scopo di lucro hanno registrato nel trimestre in rassegna un piccolo aumento dello 0,1%, mentre sono calate (-0,1%) le spese per i consumi dello Stato.

Le esportazioni - l'altro pilastro dell'economia svizzera - sono regredite dello 0,2%, dopo un'identica contrazione nei tre mesi precedenti. In leggero aumento, invece, le importazioni: +0,2%, dopo un rialzo dello 0,5%.

Per quanto concerne la produzione, afferma la SECO, nella maggior parte dei settori la creazione di valore aggiunto si è attestata al di sotto della media storica. Hanno fornito impulsi negativi il commercio e il settore sanitario. Impulsi positivi invece dal settore manifatturiero, dal ramo alberghiero e dalla ristorazione. Dopo due trimestri in negativo, hanno fatto segnare una crescita anche gli investimenti in costruzioni (+0,5%).

Per l'insieme dell'anno la SECO prevede per il pil svizzero una progressione dell'1,5%, che dovrebbe accelerare all'1,8% nel 2017, secondo le ultime stime pubblicate a settembre. Gli altri istituti pronosticano un tasso di crescita compreso tra l'1,1% e l'1,6% per l'anno in corso, mentre per il 2017 le stime variano dall'1,3% all'1,8%.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve