Tutte le notizie in breve

Oscar Pistorius torna nella sua cella in isolamento in carcere dopo un tentativo di suicidio, che lui nega, ed è ora sorvegliato speciale, 24 ore su 24, contro ogni ogni gesto di autolesionismo.

Lo fanno sapere le autorità carcerarie sudafricane dopo che il paratleta 29enne sabato scorso si è procurato dei brutti tagli ai polsi dopo un alterco con le guardie del carcere a Pretoria, dove dal 6 luglio sta scontando i sei anni di condanna in appello per l'omicidio della fidanzata Reeva Steenkamp.

Quella notte lui protestò per le medicine che gli venivano somministrate contro la depressione, accusando le tre infermiere del carcere di volerlo "avvelenare" con farmaci "tossici", chiedendo invece di poter assumere i medicinali prescritti dal suo medico personale.

Ma lui nega di aver tentato di uccidersi e nel chiamare in soccorso le guardie in piena notte disse di essere scivolato andando dal letto al gabinetto perché senza le sue protesi e di essere caduto su un cassetto aperto, ferendosi con lo spigolo polsi e testa.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve