Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Grazie a tecnologie sviluppate anche al Politecnico federale di Losanna, macachi con lesioni del midollo spinale sono riusciti a recuperare l'uso delle gambe

KEYSTONE/EPA DPA/FELIX KASTLE

(sda-ats)

Alcuni macachi hanno recuperato l'uso di una zampa paralizzata mediante neurotecnologie, sviluppate anche al Politecnico federale di Losanna (EPFL).

Il Centro ospedaliero universitario vodese (CHUV) ha avviato uno studio per stabilire se questi metodi siano applicabili anche a pazienti umani con lesioni del midollo spinale.

I risultati ottenuti sui primati sono stati pubblicati nella rivista Nature. Si tratta del seguito di ricerche in questo settore che l'EPFL svolge sui ratti da decine di anni, ha affermato all'ats Grégoire Courtine, neuroscienziato che ha condotto la collaborazione con altri istituti europei.

Gli studiosi sono riusciti a ristabilire la connessione tra cervello e midollo spinale nelle scimmie. Il sistema, senza fili, rileva le intenzioni motorie dell'animale, comunicandole ad elettrodi piazzati attorno alla zona lesionata. Successivamente a una stimolazione elettrica di qualche volt, il macaco può immediatamente riprendere a camminare.

Lo studio mostra che il sistema concepito all'EPFL agisce in maniera istantanea nelle lesioni parziali. I ricercatori ritengono che il funzionamento sia assicurato anche per quelle più gravi. Verosimilmente però, in questi casi, sarà necessario affiancare a questa terapia l'utilizzo di farmaci.

Citata in un comunicato odierno del Politecnico di Losanna, Jocelyne Bloch, la neurochirurga del CHUV che ha piazzato gli impianti su cervello e midollo spinale delle scimmie, si è dichiarata entusiasta. "Per la prima volta riesco a immaginare un paziente completamente paralizzato in grado di tornare a muovere le gambe", ha affermato.

Dopo aver ottenuto l'autorizzazione da Swissmedic, il CHUV ha avviato uno studio clinico di fattibilità. Otto pazienti umani, con lesioni parziali che ne condizionano l'utilizzo degli arti inferiori, testeranno una stimolazione del midollo spinale, senza impianto nel cervello.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS