Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il ministro degli esteri Didier Burkhalter, la presidente della Confederazione Doris Leuthard e il decano dei diplomatici stranieri presenti a Berna, Thomas Edward Gullickson.

Keystone/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

La presidente della Confederazione Doris Leuthard ha espresso oggi a Berna gli auguri di inizio d'anno al corpo diplomatico. Per l'occasione ha auspicato che il mondo ritorni ad essere una comunità di interessi e di collaborazione.

"Per maggiori le sfide che dobbiamo affrontare, e che riguardano noi tutti, è fondamentale affrontarle assieme e in collaborazione", ha affermato la Leuthard, citando in proposito i conflitti in varie regioni del globo, il riscaldamento climatico, le migrazioni e le difficoltà dell'economia mondiale, che arranca.

Nel corso della sua lunga storia, con fasi anche tormentate, la Svizzera ha imparato che è necessaria la cultura della riconciliazione e della collaborazione per raggiungere compromessi e trovare soluzioni in tempi difficili, ha ancora detto la ministra.

La presidente della Confederazione ha poi ricordato che in politica estera la Svizzera si impegna a livello mondiale con contributi scientifici ed economici, nonché per la pace e la sicurezza.

"Tra gli interessi fondamentali della Svizzera c'è quello di rafforzare il diritto internazionale. Ciò fa parte dei nostri valori e degli ideali di libertà e democrazia su cui è basato il nostro Stato federale. Più sicurezza, stato di diritto e libertà nel mondo rafforzano la dignità umana e la stabilità", ha sottolineato.

Il nunzio apostolico Thomas Edward Gullickson, decano del personale diplomatico presente a Berna, ha dal canto suo ricordato che ancora non si riesce a far partecipare al benessere della società le fasce più sfavorite e più bisognose di protezione.

SDA-ATS